Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera.

(Salvatore Quasimodo)



Curriculum accademico di Antonio Giorgilli

Si è laureato in Fisica il 26.3.1974 discutendo la tesi Modi normali per sistemi Hamiltoniani non lineari, sotto la direzione del Prof. Angelo Loinger e del Prof. Luigi Galgani, con il Prof. Emilio Montaldi come correlatore.

In seguito ha tenuto le esercitazioni del Corso di Meccanica Razionale presso il corso di laurea in Fisica dell'Università di Milano.

Dal 4.4.1975 al 30.9.1976 è stato nominato assistente incaricato supplente presso la Cattedra di Fisica Teorica della stessa Università.

Dal 1.11.1976 al 7.2.1978 ha fruito di un assegno ministeriale di formazione scientifica e didattica presso l'Università di Milano.

Dal 8.2.1978 gli è stato conferito l'incarico di insegnamento di Meccanica Razionale prima presso l'Università della Calabria (per gli A.A. 77/78 e 78/79), poi presso l'Università di Milano per gli A.A. successivi.

Nel frattempo è stato nominato prima vicedirettore (dal luglio 79) e poi direttore tecnico (dal gennaio 1980) del Centro di Calcolo dell'Università di Milano, mantenendo tale carica fino al marzo 1982.

Dal 18.3.1983 ha preso servizio come Professore Associato confermato nel raggruppamento di Fisica Matematica presso l'Università di Milano. In tale veste ha tenuto regolarmente il corso di Meccanica Razionale, affiancandolo ad altri corsi più specialistici quali Meccanica Celeste e Sistemi Dinamici. Occasionalmente ha anche tenuto il corso di Teoria e Applicazioni delle Macchine Calcolatrici per il corso di laurea in Fisica e di Istituzioni di Fisica Matematica presso la sede di Como.

Dall'ottobre 1998 si è trasferito presso la nuova Università di Milano Bicocca, mantenendo la qualifica di Professore Associato.

Dal 1.11.2000 è stato nominato Professore Ordinario nel raggruppamento di Fisica Matematica presso l'Università di Milano Bicocca.

Dal 1.10.2005 si è trasferito presso il Dipartimento di Matematica dell'Università degli Studi di Milano, a cui afferisce attualmente.

È socio corrispondente dell'Istituto Lombardo Accademia di Scienze e Lettere.



Verba Ecclesiastes filii David regis Hierusalem.
Vanitas vanitatum dixit Ecclesiastes:
Vanitas vanitatum et omnia vanitas.
Quid habet amplius homo
de universo labore suo quod laborat sub sole?
Generatio praeterit et generatio advenit,
terra vero in aeternum stat.
Oritur sol, et occidit,
et ad locum suum revertitur,
ibique renascens gyrat per meridiem,
et flectitur ad aquilonem.
Lustrans universa circuitu pergit spiritus,
et in circulos suos regreditur.
Omnia flumina intrant mare, et mare non redundat.
Ad locum unde exeunt flumina revertuntur, ut iterum fluant.
Cunctae res difficiles, non potest eas homo explicare sermone.
Non saturatur oculus visu, nec auris impletur auditu.
Quid est quod fuit, ipsum quod futurum est.
Quid est quod factum est, ipsum quod fiendum est.
Nihil sub sole novum,
nec valet quisquam dicere: ecce hoc recens est.
Iam enim praecessit in saeculis quae fuerunt ante nos.
Non est priorum memoria,
sed nec eorum quidem quae postea futura sunt
erit recordatio apud eos qui futuri sunt in novissimo.
Ego Ecclesiastes fui rex Israhel in Hierusalem,
et proposui in animo meo quaerere et investigare sapienter
de omnibus quae fiunt sub sole.
Hanc occupationem pessimam dedit Deus filiis hominum,
ut occuparentur in ea.
Vidi quae fiunt cuncta sub sole,
et ecce universa vanitas et adflictio spiritus.
Perversi difficile corriguntur, et stultorum infinitus est numerus.
Locutus sum in corde meo dicens:
ecce magnus effectus sum
et praecessi sapientia omnes qui fuerunt ante me in Hierusalem,
et mens mea contemplata est multa sapienter et didicit,
dedique cor meum ut scirem prudentiam
atque doctrinam erroresque et stultitiam,
et agnovi quod in his quoque esset labor et adflictio spiritus,
eo quod in multa sapientia multa sit indignatio,
et qui addit scientiam addit et laborem.

(Ecclesiastes 1,1-18)



Torna a: / Back to:


Università
di Milano

Antonio
Giorgilli
Home-page