Tesi (laurea magistrale)


Negli anni precedenti non ho mai fornito una lista di possibili agomenti di tesi, per una ragione molto semplice:
la scelta della tesi deve, secondo me, emergere da una discussione tra studente e docente (o più docenti, se lo
studente considera varie possibilità - come è ben suo diritto).

Ma nella situazione che stiamo vivendo non è più possibile affacciarsi nello studio del docente e cominciare a
parlare del più e del meno, e dei possibili argomenti di tesi.

Naturalmente è sempre possibile chiedermi un "incontro" via skype o via zoom per parlare di questo, ma insomma
non è la stessa cosa. D'altra parte, gli studenti devono ancora laurearsi; e se è facile immaginare che finché non
ci potrà incontrare facilmente, molti sceglieranno di dedicarsi a completare gli esami rimandando il momento della
scelta della tesi e dell'inizio del lavoro su questa, ci saranno degli studenti per cui questo momento si sta in ogni
caso avvicinando.

Allora ho pensato che può essere utile dare qui una serie di possibili argomenti di tesi - anche se potrebbe essere
meglio aspettare, a costo di passare qualche mese lavorando in campagna. Ma forse la tesi, che è comunque un
momento di lavoro individuale, è la cosa che può essere fatta meglio nella situazione attuale.

Come sapete insegno vari corsi, e quindi mi sembra naturale provare ad organizzare le varie proposte secondo gli
argomenti dei corsi (in ordine alfabetico!), anche se sarà evidente dalla lista che in alcuni casi il corso di Sistemi Dinamici 2
è stato usato come un indicatore "generico". Accanto ad ogni argomento proverò ad inserire dei links a documenti
che possono dare un'idea di cosa si tratta.

Resta inteso che ogni altra proposta da parte dello studente è legittima.
Non è detto venga accettata, ma parlare e proporre è sempre possibile.

BIOMATEMATICA

Inevitabilmente, i miei interessi in quest'ambito si sono spostati a causa di quello che stiamo passando.
Grosso modo, ci sono due ambiti (in uno indico anche dei sotto-ambiti più specifici, anche se la classificazione
è un po' lasca) in cui è pensabile svolgere una tesi che io possa seguire:

Nel primo caso si tratterebbe di tesi "di rassegna"; il che in questo momento, con l'enorme quantità di lavori che
vengono continuamente pubblicati sull'argomento COVID, è decisamente non banale.

Altre tesi di rassegna possono emergere dalla lista di approfondimenti proposti per il corso di Biomatematica 1.


METODI MATEMATICI PER LA MECCANICA QUANTISTICA

Sebbene insegni questo corso da un po' di anni, non sono attivo nella ricerca su temi quantistici. Quindi sono in grado di
seguire tesi solo su argomenti piuttosto specifici; alcune di queste vanno intese come tesi "di rassegna":


SISTEMI DINAMICI

Qui invece si tratta di un ambito in cui sono attivo su vari temi; Tutti (o quasi) gli argomenti di approfondimenti
proposti per il corso di Sistemi Dinamici 2 possono essere una base per tesi di rassegna e/o di ricerca.

Vi sono poi altri argomenti, in parte coperti nel mio corso ma anche non trattati nei nostri corsi o trattati in corsi
diversi dal mio, che possono anche essere un buon argomento di tesi.

Segnalo ad esempio (alcuni di questi titoli risulteranno poco comprensibili a chi non ha seguito il corso):

Sono poi possibili tesi di rassegna anche in questo caso; ad esempio


Tra gli argomenti di tesi veri e propri ci sono le equazioni differenziali stocastiche; recentemente mi sono anche
interessato ad aspetti "storici" della questione, e sarebbe interessante (per me) avere una tesi sulla


COSA E' UNA TESI ?

Dipende. Se la vostra intenzione una volta laureati è avere un lavoro fuori dal sistema della ricerca, si tratta di una
occasione di mettervi alla prova, sostanzialmente per vostro piacere (oltre che perché richiesto dalle regole universitarie),
nello studio dettagliato di un problema specifico o nella soluzione di un problema la cui soluzione non si trova in letteratura.

Se invece dopo la laurea pensate di voler (tentare di) fare un dottorato, la tesi sarà inevitabilmente il vostro biglietto
da visita al momento di competere per una borsa di dottorato (in particolare all'estero). In questo caso, che si tratti di
tesi di ricerca o di rassegna (ma v. sotto a questo proposito) sarebbe bene che la tesi riguardasse un argomento che il
relatore controlla bene, o ancora meglio su cui sta lavorando attivamente. Ovviamente quest'ultima condizione è soddisfatta
solo per pochi degli argomenti proposti sopra (in compenso, alcuni di questi sono in realtà aspetti diversi di uno stesso tema,
quindi gli argomenti possibili in quest'ottica non sono troppo pochi).

QUANTO DURA UNA TESI ?

Come sapete, il lavoro di preparazione della tesi è valutato 30 cfu nella vostra carriera. Dunque il lavoro di tesi equivale a
circa 5 corsi, ovvero un semestre a tempo pieno. E' però consigliabile iniziare il lavoro quando ci sono ancora degli esami da
superare, sia per entrare in modo "dolce" nell'argomento che per non trovarsi con l'acqua alla gola rispetto ai tempi già quando
si inizia. L'impegno richiesto per una tesi è diverso per una tesi "di rassegna" e per una tesi "di ricerca" (per quest'ultimo caso,
poi, è difficile prevedere i tempi).

Sebbene una tesi di rassegna ben fatta possa esere altrettanto impegnativa e valida di una tesi di ricerca, di fatto chi intende
proseguire gli studi sostenendo i concorsi per il Dottorato di Ricerca (in Italia o all'estero) farebbe in generale meglio a svolgere
una tesi di ricerca, che solitamente viene meglio valutata in sede di ammissione al dottorato; diversa la situazione per chi pensa di
cercare un lavoro al di fuori del sistema della ricerca.

In generale, io consiglio di prevedere un anno (accademico, quindi circa nove mesi) dall'inizio effettivo della tesi alla sospirata
laurea, e di non sottovalutare (la difficoltà de, ed il tempo necessario per) la parte di scrittura della tesi. 

So bene che è possibile laurearsi in tempi più brevi, ma credo sia meglio mettere in chiaro come la penso.